top of page

ISPIRATA DALLA NATURA, DAI COLORI, DALLA LUCE E DALL'OMBRA - NELLA PITTURA COME NELLA VITA


Uno dei motivi per cui sono sempre stata attratta dal Galles e, quindi, ho deciso di venire a vivere qui è la sua naturale bellezza mozzafiato.


Fotografia del nostro campo preferito a Llanover scattata da Valentina Teghillo
Fotografia del nostro campo preferito a Llanover scattata da Valentina Teghillo

Ricordo ancora quando informai il mio ex capo in Italia che avrei lasciato il lavoro lì per andare in Galles. Mi ha guardato come se dicesse "Galles? Perché?!?" Forse pensava che avrei detto Londra o qualche altro posto scintillante e sempre frenetico, ma questo non ha mai fatto per me.


Il Galles è verde, rigoglioso e ricco di fauna selvatica e ciò rende questo Paese molto attraente per me. Qui camminare in un bosco o lungo un canale è molto terapeutico, rilassante, tranquillo e mi trasmette sempre vibrazioni positive, anche quando piove, e in Galles piove tantissimo!



È da qui che traggo ispirazione per la mia pittura, nella vita di tutti i giorni. Quando portiamo fuori i cani a passeggio, infatti, siamo subito circondati dal canto degli uccelli, tante sfumature di verde, marrone, azzurro, cieli spettacolari, fiori colorati, sole, pioggia, neve, vento che forniscono un'immensa varietà di scene, dai paesaggi ai primi piani della natura.

UN DIPINTO AD ACQUERELLO, PASSO DOPO PASSO

Ieri ho finito di dipingere un acquerello da una fotografia scattata qualche anno fa, che mostrava i nostri cani nel nostro campo preferito a Llanover, nel Monmouthshire.


Tre cani in un campo
Loro tre, foto

Qui voglio condividere con voi tutti i passaggi che ho seguito, dall'idea al risultato finale.


STABILIRE LO SCOPO E DECIDERE QUALE MEZZO UTILIZZARE

Guidato da ricordi meravigliosi, ho voluto preservare un istante di felicità e di amore di questi preziosi e per sempre compagni di vita. Ho optato per l'acquerello, per l'effetto effimero e non dettagliato che volevo creare, dove il pennello viene utilizzato per tracciare impressioni essenziali di forme, temperatura e movimento.

Non è ricreare la copia perfetta che mi interessa ma la sensazione che traggo dal dipinto, che è la stessa che ho provato quando ero in quel campo con loro in quel preciso momento.

Ormai gli smartphone ci permettono di scattare sempre foto, ovunque e con estrema facilità, ma per me questo, a volte, non è sufficiente per apprezzare davvero ciò che guardo e provo. Dipingerlo, invece, aggiunge questa parte mancante, che mi permette di trascorrere tutto il tempo che voglio per osservare, sentire e pensare davvero e il risultato finale rimarrà qui con me per sempre, o quasi.


SELEZIONE DEL MATERIALE

  • Un quaderno degli schizzi è molto utile e importante, perché è necessario studiare il soggetto e conoscerlo prima di lavorare sulla carta da acquerello finale. Utilizzo la mia Moleskine Sketchbook Art Collection rossa, che è sempre molto utile.

  • Una matita di grafite 2B o HB, quindi una punta abbastanza morbida che permette di disegnare e cancellare linee senza sforzo.

  • Una gomma pane: mi piace molto la gomma pane grande di Winsor & Newton, perché dura a lungo nella sua piena qualità.

  • Matite acquarellabili - Mi piace particolarmente quelle di Caran D'Ache Prismalo Aquarelle, perché posso facilmente lavorare il pigmento con le dita bagnate dopo aver colorato la carta stessa. Altrimenti, altre buone matite acquarellabili sono le Premium Arteza, ma non riesco a lavorarne il colore con l'acqua così facilmente come con quelle di Caran D'Ache.

  • Carta per acquerello - Qui ho deciso di utilizzare un blocco di Hahnemühle Collezione Acquerello da 300 g/m², cotone al 100%, realizzato in stampo (pressato a freddo) 17 x 24 cm / 6,7 x 9,4 pollici.

  • Acquerelli in mezzi panetti - innanzitutto ho deciso di utilizzare i mezzi panetti perché i loro pigmenti sono meno forti dei tubetti da acquerello e questo è esattamente l'effetto che cercavo in questo dipinto. Quelli che ho usato qui sono i Phoenix Water Colors e sono davvero buoni.

  • Pennelli:

    • n. 10 Graduate Daler Rowney punta tonda (il mio preferito perché è molto versatile):

    • n. 12 Transon punta piatta (semplicemente per bagnare la superficie e per le ombre):

    • n. 6 Pennello per acquerello a punta tonda ArtDiscount (per i dettagli più piccoli)

  • Carta da cucina

  • Acqua - cambiata regolarmente per mantenerla pulita!



FARE UNO SCHIZZO

Questa è la parte importante, è quando si studia la composizione.

Ho utilizzato due pagine del mio sketchbook in modo da avere una dimensione orizzontale e ho disegnato gli elementi essenziali: la siepe sullo sfondo con alberi e montagne sullo sfondo, i tre cani, l'erba e il cielo.


Non sottovalutare mai lo schizzo!


Schizzo di un dipinto ad acquerello raffigurante tre cani in un campo di campagna gallese
Schizzo di pittura ad acquerello

DISEGNARE SUL BLOCCO PER ACQUERELLO

Eccoci sulla superficie finale, il blocco per acquerello! Era la prima volta che usavo questa superficie di cotone al 100% e mi è piaciuto molto.

Ero abituata al cartoncino per acquerello Daler-Rowney Aquafine e ho voluto sperimentare una nuova superficie per sentirne la differenza. Ebbene, il blocco per acquerello di Hahnemühle - Collezione Acquerello 300 g/m², 100% cotone, realizzato in stampo (pressato a freddo) è di alta qualità, molto resistente ai vari strati di colore ed è vegano! Questa è una caratteristica che cercherò per tutto il mio materiale artistico, poiché sono un amante degli animali.

Considerando che il mio blocco era più piccolo della fotografia stampata, ho ridimensionato il disegno in proporzione al blocco stesso e poi ho ridisegnato tutte le parti essenziali come avevo fatto sullo sketchbook. Poi, ho reso le linee della matita più morbide, in modo che non fossero visibili in seguito attraverso l'acquerello.



INIZIARE A DIPINGERE

A questo punto era il momento di iniziare a dipingere.

La regola generale è iniziare con il colore più chiaro e poi proseguire con quelli più scuri.

Ho applicato questa regola, ovviamente, ma questo dipinto offriva tre aree separate su cui potevo lavorare come se fossero tre dipinti diversi: il cielo, le montagne, gli alberi e l'erba.

Quindi, ho iniziato dal cielo, applicando prima le tonalità più chiare del blu ceruleo, del blu verde e del blu cobalto. Ho lasciato non colorate alcune aree bianche del blocco, perché il bianco è un non colore su carta bianca :-)

Per il cielo ho utilizzato la tecnica bagnato su bagnato ma anche semplici pennellate.

Poi, ho applicato la regola "dal chiaro allo scuro" anche alle montagne e agli alberi e, in questo caso, per creare l'effetto della luce attraverso gli alberi, oltre che per dare l'idea di vari alberi sempre più vicini, ho ho fatto una sorta di tecnica "punto-punto" con il mio n. 10 punta tonda. Ho dipinto anche la siepe con un colore verde scuro-nero.

Successivamente sono passato all'erba e ho applicato prima il verde foglia per le tonalità più chiare di questo colore con la tecnica "bagnato su bagnato" e non ho ancora lavorato sui cani, quindi ho semplicemente dipinto tutto il campo ma ho lasciato un'area non dipinta intorno a loro.


Acquerello: fase pittorica n. 1
Iniziare a dipingere con gli acquerelli

Dopodiché sono passata a dipingere questi tre preziosi cagnolini: prima con colori chiari, poi più scuri e ho continuato anche con l'erba.

Per i cani ho utilizzato colori come: nero carbone, nero avorio, verde vescica, blu ceruleo, grigio di payne, terra d'ombra bruciata, marrone vandyke e seppia.

REGOLAZIONE DEI COLORI

Poi, come al solito, ho notato che alcuni colori non erano esattamente giusti e alcuni punti necessitavano di essere più marcati. Per questo motivo ho corretto tutte queste parti applicando un tono migliore di pigmenti più scuri in aree come l'erba, i cani, la siepe e la montagna.

Ho anche ammorbidito i bordi delle nuvole.


RISULTATO FINALE

Alla fine, sono arrivata ad un punto in cui ho deciso che era sufficiente così. Ne sono rimasta soddisfatta e questa è la cosa più importante per me: dopotutto l'artista deve essere contento del risultato; se lui/lei ne è soddisfatto, è più probabile che anche l'acquirente o il commissario lo apprezzeranno.

Sono davvero contenta della luce che sono riuscita ad ottenere, del senso di spazio e distanza ma soprattutto dei caratteri diversi dei tre cani. Ora li ho di nuovo tutti insieme con me.



 

Questo è tutto!


Spero che ti sia piaciuto leggere questo post tanto quanto lo è stato per me scriverlo e prepararlo.

Poiché lo scopo principale di questo post è farti entrare nel mio processo artistico, sarei davvero felice se condividessi i tuoi pensieri, i tuoi punti di vista o la tua opinione sotto questo post in un commento o privatamente tramite chat se preferisci.


È sempre un piacere poter condividere una passione con chi sa apprezzarla.


Buona vita!















Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page